Il Concilio di Trento

Trento deve la sua fama al concilio che qui si svolse dal 1545 al 1563. Ciò che venne deciso durante quegli anni segnò la storia europea come pochi altri eventi, rappresentando un vero e proprio spartiacque, con enormi conseguenze sulla vita sociale, l’arte, l’architettura e la musica.

In questa sala sono esposte alcune significative testimonianze iconografiche relative al concilio di Trento, nel corso del quale fu definita la riforma della Chiesa cattolica e la reazione alle dottrine protestanti. Aperto ufficialmente nel 1545, il concilio giunse a conclusione dopo varie interruzioni nel 1563. La posizione strategica della città, situata al confine tra l'Impero germanico e la penisola italiana, fu determinante per la scelta di Trento quale sede conciliare.
Completano la sala una serie di opere che ricordano al visitatore i protagonisti dell’evento e i luoghi del concilio a Trento. Una specifica sezione affronta uno dei temi dottrinali più dibattuti dai padri conciliari: il sacramento dell’Eucarestia.


Congregazione generale del concilio di Trento nella chiesa di Santa Maria Maggiore
1563
Congregazione generale del concilio di Trento
1633
Canones, et Decreta Sacrosanti Oecumenici, et generalis Concilii Tridentini
1564
Santa Chiara
1548
XXIII sessione del concilio di Trento nella cattedrale di San Vigilio
1961
Sessione inaugurale e sessione conclusiva del concilio di Trento nella cattedrale di San Vigilio
1711