Parole a vista: 'scritture esposte' in città

Percorso in città
Siamo circondati da esempi significativi, artistici o di cattivo gusto, di quelle che vengono definite ‘scritture esposte’. Le troviamo sui muri delle città, sulle navate delle chiese, sulle rocce delle nostre montagne, sulle cortecce degli alberi. Sono parole affisse, incise o graffite. Oggi, come nel passato, le scritture esposte legano in un sottile e interessante intreccio sfera pubblica e privata: sono infatti strumento di autocelebrazione, promozione, informazione, protesta e derisione, ma riguardano anche passioni ed emozioni che appartengono alla sfera affettiva individuale. I ragazzi verranno accompagnati in un itinerario che partirà da piazza Duomo e si svilupperà all’esterno della cattedrale e nelle sue immediate vicinanze, concludendosi in museo. L’osservazione delle ‘scritture esposte’ presenti lungo il percorso, differenti per epoca e modalità di realizzazione, l’analisi della loro collocazione, impostazione grafica e, naturalmente, del contenuto, offrirà la possibilità di riflettere sulle finalità e sui sistemi di comunicazione utilizzati nel corso dei secoli.

Modalità di svolgimento: all'aperto